#17 SINTETIZZATORE: SAMPLE & HOLD

0
Eccoci arrivati all’ultima lezione riguardo il sintetizzatore, dalle prossime lezioni daremo più spazio a tutto quello che concerne il lavoro del fonico.
Alla fine di questa lezione troverete spiegati dei collegamenti per ottenere determinati effetti: se avete seguito il corso dall’inizio non avrete alcun problema nel seguire i passaggi, in caso contrario consigliamo un ripasso a partire dalle prime lezioni sul sintetizzatore.
Ricordiamo infine che dal sito della casa produttrice NORD è possibile scaricare la riproduzione virtuale di un sinth analogico per sperimentarne il funzionamento (WINDOWS / MAC)

[expander_maker more=”Read more” less=”Read less”]

Partiamo!
Il Sample & Hold è un modulo dotato di due ingressi con funzioni distinte, noti come Sample IN (o Signal IN) e Trigger IN (o Clock IN).

 

Ogni qual volta l’ SH riceve un segnale impulsivo all’ingresso Trigger IN, effettua una misurazione del voltaggio presente in quell’istante di tempo all’ingresso Sample IN e mantiene costante in uscita il voltaggio misurato fino all’arrivo di un successivo impulso al Trigger.

 

Quello che fuoriesce dal modulo è dunque un segnale di controllo tramite cui è possibile controllare altri moduli tra cui il VCF (ottenendo un Random Stepped Filter) e il VCO (ottenendo l’effetto utilizzato come linguaggio di R2D2 nel film Star Wars!).

Il Sample & Hold è dunque un modificatore di un segnale utilizzato come controllo.

Ecco di seguito un paio di esempi pratici.

1) Random Stepped Filter:

Il segnale audio deve generarsi da due VCO, passare nel mixer, poi in un VCF, quindi in un VCA ed infine all’uscita audio. 
Il CV della tastiera deve contrllare i due VCO, mentre il GATE della stessa deve controllare un inviluppo, che a sua volta deve controllare un VCA.
Il segnale uscente da un Noise Generator deve entrare nell’ingresso sample del SH, mentre il segnale uscente da un LFO  deve giungere all’entrata trigger del SH.
Infine l’ SH deve controllare il VCF.  Il Cut Off va posizionato al centro, e per enfatizzare le frequenze vicine alla frequenza di taglio è opportuno impostare un alto livello di risonanza.

2) L’effetto di R2D2

Si applica semplcemente l’ SH ad un VCO  😉

A tra qualche giorno con nuove lezioni sulla fonia!
[/expander_maker]

Non scordarti di supportare, condividere e divulgare le lezioni che affrontiamo: rendi la conoscenza virale e aiutaci a crescere! Hashetic Front ha dei costi di mantenimento e le tue donazioni, per quanto modeste, sono essenziali!